sabato 9 giugno 2012

di riso ignifugo e suo riciclo

mai fidarsi delle apparenze... non imparo mai, nemmeno quando si tratta di riso

qualche giorno fa ho preso del riso ribe in offerta, ne ho fatto una piccola scorta, visto che mio figlio lo preferisce di gran lunga alla pasta

l'altra sera ho deciso di prepararlo e di offrire a tavola un buonissimo risotto al pomodoro mantecato alla mozzarella e parmigiano

controllo i tempi di cottura, preparo il brodo -finto- per allungare il riso, inizio a far andare la salsa sul fuco, aggiungo sale ed olio ed inzio a "risottare"

dopo 15 minuti, passati ad aggiungere brodo bollente appena i liquidi si ritiravano e a mescolare di continuo, mi illudo che il riso sia cotto ed assaggio

decido di proseguire la cottura per altri 5 minuti

assaggio di nuovo, ma il riso è crudo

proseguo a mescolare e ad aggiungere acqua, ma il riso continua ad essere crudo

arrivata a 45 minuti ed allo stremo delle forze, decido che il riso era cotto, aggiungo un pochino di burro e manteco il tutto con un pochino di parmigiano e la mozzarella tagliata a dadini piccini

impiatto e.... era ancora crudo!!

mai successo 0_0

avendo abbondato nelle dosi me ne era rimasto davvero parecchio, lo lascio riposare tutta la notte (veramente mi illudo pure che si ammorbidisca) ed il giorno dopo lo converto in supplì, ma in padella ed in un'unica forma


non vi scrivo dosi che son andata ad occhio alla fine

vi dico solo che ho preso una padella antiaderente e vi ho cosparso del pangrattato senza glutine misto a farina di mais per polenta e vi ho schiacciato sopra una parte di riso

ho acceso il fuco ed ho aggiunto altra mozzarella tagliata a dadini ed ho coperto con il restante riso

ho lasciato "bruciacchiare" un pochino e poi ho rigirato - tipo frittata - e lasciato colorare anche dall'altro lato

impiattato, servito e mangiato

'bbono

23 commenti :

  1. Ottima idea!!! Ma che riso era???? ;-)

    RispondiElimina
  2. Anche a me è successo con il riso ribe bio di una casa a marca di supermercato! Anche a te?
    Credevo di essere stata l'unica e dato che mi è accaduto quando andavo di fretta o pensato di aver sbagliato qualcosa, ovviamente una delle volte avevo ospiti a cena!

    RispondiElimina
  3. Tu cara Vale trovi sempre il modo di fare dei piatti speciali, non conosco questo tipo di riso e non so esattamente come si chiama.
    Comunque eccomi qui per augurarti un buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Tomaso

      che sia un sereno fine settimana anche per te e famiglia

      Elimina
    2. Che bel piatto, una bellissima idea, sembra troppo buono!

      Elimina
  4. Ciao Vale, non sei l'unica hai altre compagne di avventura a me è successo con un'altra varietà, alla fine stremata l'ho messo nella pentola a pressione!
    Buonissima la tua soluzione.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come mai?? è un problema di lavorazione che lo rende inadatto alla cottura allora?

      meno male che alla fine l'ho riciclato come vi ho fatto vedere altrimenti avrei dovuto buttare tutto

      buona domenica

      Elimina
  5. Mi sembra la storia infinita delle patate lesse a casa mia! Assurdo ma non mi si cuociono, con o senza pelle, intere, a pezzi le ho provate in tutti i modi non ne vogliono sentire!
    Certo che se fosse stato un riso selvaggio forse avrebbe fatto prima! Però alla fine ottima idea di "riciclo" ^_* Baci, buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, le patate lesse... dai!! :-)

      mi hanno regalato del riso venere e tremo all'idea di cuocerlo in effetti...

      buona domenica cara

      Elimina
  6. Non ho mai trovato un riso che non cuoce mai, ma ho avuto un'esperienza simile con delle patate...sempre crude.
    Il riso venere te lo consiglio...e cuoce, su questo son sicura perchè l'ho cucinato più di una volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pure tu con le patate? ma come mai???

      devo farmi coraggio e provare questo riso venere

      buona giornata

      Elimina
  7. Ma sai che forse è stato un bene che non si fosse cotto subito?
    La versione in padella mi piace di più perché è croccante ;-)
    Anche perché, da buona milanese, ADORO il riso al salto e questa è una versione più ricca :-)

    RispondiElimina
  8. un'idea veramente gustosa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. L'ultima volta mi sono incaponita pure io con un riso così.. per fortuna ora mi sento meno sola.... credevo d'averlo tostato troppo in partenza... mi consoli!!

    Userò questa idea di supplì in padella se mai mi ricapitasse..hem..ho ancora metà scatola da fare...e la tengo a distanza di sicurezza ancora...

    RispondiElimina
  10. l'ho cotto ieri sera senza problemi 0_0

    mistero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grosso mistero! oppure a casa ti han fatto un cambio di riso a mò di scherzetto?! :P

      Elimina
  11. ciao cara ,volevo un confronto con te:: ma tuo figlio ha ripreso appettito con la cucina senza glutine? e il suo umore come è????? la mia mi sta facendo diventare matta ..non sò se la celiachia possa incidere in qualche modo.....e sempre nervosa ed inappetente.... che consiglio mi dai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao @nto

      mio figlio mangia gf da quando aveva 18 mesi e allora rinacque eccome!!!

      ora mangia a fasi alterne, a volte svuota il frigo altre invece sbocconcella qualcosa senza entusiasmo

      però mi sta facendo uscire pazza comunque! saranno gli ormoni che iniziano a farsi sentire! se sia legato alla ceiachia in quanto tale non so bene cosa risponderti, sicuramente la rigidità della dieta crea stress
      aggiungici poi il confronto, inevitabile, con gli altri e le rinunce obbligate che i ns figli subiscono ogni giorno

      direi che di motivi per stare storti ce ne sono!!

      Elimina