giovedì 10 gennaio 2013

la testa altrove ed il liquido delle mozzarelle

se c'è una cosa che mi "schifida" è l'acquetta in cui vengono conservate le mozzarelle...
"metto siero signo'?" per carità, le lasci pure così che tanto le mangio subito

non so perchè... arrivo anche a lavare le mozzarelle

poi è arrivato questo post ed ho dovuto per forza superare questa mia "schifeltitudine", perchè volevo che quella focaccia fosse mia!! e finisse nella panzottina del mio celiachino oltre che nella nostra

in casa mangiamo tutti senza glutine quando si tratta di panificati e dolci -e non solo-, farina 00 o altre glutinose non entrano, in questo modo la mia cucina è sicura da contaminazioni e si mangia tutti la stessa cosa insieme

torniamo al liquido della mozzarella

quella Olga una ne fa e cento già ne ha pronte, altre cento ne pensa e noi qui campiamo di rendita, fatemelo dire e lasciatemi chiacchierare un po', così da mettere ancora spazio tra me e quel liquido che c'ho l'hansjia solo a pensarci

a me piacciono le cose difficili, quelle un po' complicate, ma non troppo sennò non mi riescono... e la mia autostima ne risente poi... dalla mia totale ignoranza sui tipi di lievito in circolazione ne ho fatta di strada! ogni passo in avanti una ricettina o una scoperta entrata nel cuore: dal lievito madre senza glutine alle girandole, passando dai fiadoni e finendo al pane col mosto.. uao! ora so quanti tipi di lievito ci sono e come si usano!!

si vede che era destino, il liquido è arrivato a me senza che lo cercassi, visto che mi hanno regalato della buonissima mozzarella di bufala con taaaaaanta acquettina schifezzina e puzzolentina ;-)

"e andiamo! posso fare la focaccia..." ho pensato e mi son messa all'opera

prendiamo il liquidino, pesiamolo, mettiamo le farine, prendi il mix, metti l'impasto a riposare, ficcalo in frigo, riprendilo, lavoralo, cuocilo: ne avessi azzeccata una!!!

avete letto cosa scrive Olga? perfetto! io ho fatto tutto il contrario convinta di fare quello che lei ha scritto parola per parola... son riuscita anche a sbagliare mix e me ne sono accorta quando oramai il forno era a temperatura

buttavo  tutto? seeeeeeee... con quello che costano le farine e la fatica che si fa a domarle, non ci penso proprio

e ficchiamo tutto al forno e vediamo che esce fuori!



'bbona



copio\incollo dal blog del cuore come bisogna fare

©Focaccia Senza Glutine Con Lievito Fujuto©


  1. Dentro una bella ciotola, versate il liquido di governo portato a temperatura ambiente e scioglieteci il sale, unite le farine, iniziate a mescolare con una forchetta ed aggiungete l'olio. Mescolate ancora fino ad ottenere un composto omogeneo, sostenuto e appiccicoso.
  2. Tappate la ciotola e lasciatela lì fino a sera. 
  3. Arrivati alla sera, quindi, infilatela in frigorifero. Se controllate l'impasto vi sembrerà che non si è mosso  per nulla, non vi fate impressionare e procedete.
  4. Alla mattina successiva tirate fuori la ciotola dal frigorifero e lasciatela lì sul piano della cucina fino alle tre, quattro del pomeriggio circa. Anche in questo caso l'impasto vi sembrerà "quasi" immobile, ma è quel "quasi" che fa la differenza.
  5. Preparate un foglio di carta da forno e versateci sopra tutto l'impasto, ungetevi le mani e stendetela per una ampiezza di quasi tutta la leccarda del forno (quella da 60 cm). 
  6. Infilatela in forno spento con solo la lucina accesa e fatela riposare per 4 ore. 
  7. Per cui con questi tempi l'avrete pronta per la cena.
  8. Quando manca mezz'ora alla fine del riposo, arroventate il forno a 250° con la refrattaria dentro. Arrivato a temperatura, posateci sopra la focaccia con tutta la carta forno e fate cuocere per circa 25 minuti. Se la volete più unta fate ancora un giro d'olio.


14 commenti :

  1. Bé, per non averne azzeccata una, direi che alla fine t'è venuta bene lo stesso... almeno a te ha lievitato! Io ho dovuto rilavorare tutto con una biga perché solo con l'acqua di governo non ha fatto neanche una bollicina, come a dire "ci provo, ma più di così non ce la faccio!" :-( E io ho pure usato le farine glutinose! Ma comunque ci riproverò, capatosta sono ;-)
    Ciao Và, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho sbagliato tutto il procedimento e pure le farine... un mito sono, me lo dico da sola... :-(

      però venne, questo si può vedere no? ed era pure buona

      dai riprovaci... magari ci vuole il liquido delle mozzarelle di Sulmona ;-)

      buona giornata

      Elimina
  2. Allora posso farla anch'io!
    Pure a me l'idea dell'acquetta mi fa senso ma vi ho sempre dato fiducia e intendo continuare a farlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma certo che puoi!!!

      buttati!! dai!

      Elimina
  3. ah ah ah ... a volte l'amore, la curiosità e la gola ci fanno superare gli ostacoli! Baci

    RispondiElimina
  4. Cara Vale io sono veramente fortunato io le mangio e non mi faccio tante domande, e credo che sia il sistema di conservazione!
    Non so se mi sbaglio, ma è meglio non pensarci troppo!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Bravissima Vale! Al tuo posto sarei svenuta!!
    La tua focaccia ha un aspetto favoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...un mezzo tracollo a dire il vero m'è venuto sul momento, ma che facevo buttavo tutto??
      m'è andata bene dai! ;-)

      Elimina
  6. La focaccia è veramente invitante. Ma quale mix hai usato invece del classico di felix e cappera? E' il caso di sperimentare anche il tuo!!! Ellen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me lo ricordo :-(

      Questo post era programmato e non avevo scritto quali farine ho messo ed ora non me lo ricordo

      E sennò scrivevo che la mia testa sta altrove?

      Elimina
  7. Ciao Vale,è bellissima la tua focaccia !!! Ma occorre 500 gr di mozzarella o può andar bene anche meno ? Grazie della risposta...un bacio Roby !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. serve il liquido in cui viene conservata la mozzarella, non la mozzarella

      la ricetta che ho seguito prevede 500 g. di liquido di governo di mozzarella di bufala

      Elimina