lunedì 10 maggio 2010

fiadoni abruzzesi senza glutine



cos'è il fiadone?
è un prodotto da forno salato o dolce tipico del periodo pasquale che si prepara in Abruzzo a base di formaggio, ricotta e uova


tengo molto a questa ricetta perchè mi riporta alla mente volti tanto amati... e che vi posto con L'Aquila nel cuore...


chi conosce i fiadoni noterà subito che hanno una forma diversa dal classico raviolo, questo perchè mia nonna così li preparava e così ho imparato a rifarli

la forma è identica a quelli dolci che si preparano in Sardegna. Chi ha copiato chi? :):):)

Ingredienti
per la sfoglia esterna


150 mixB
50 agluten
1/2 cucchiaino di zucchero
sale qb
2 uova
50 latte
15 olio
1 cucchiano da caffè di lievito istantaneo




per il ripieno


90 parmigiano grattugiato
80 pecorino abruzzese
30 ricotta (per me la ricotta è solo di pecora)
1 cucchiaino da caffè di lievito istantaneo
pepe
2 uova



preparare il ripieno mettendo tutti gli ingredienti in una ciotola ed amalgamare bene
se fosse troppo liquido aggiungere del formaggio grattugiato


per la sfoglia procedere come quando si prepara la pasta all'uovo


stendere una sfoglia sottile e poi con un coppapasta ricavare tanti cerchi


mettere un cucchiaio di impasto su ogni cerchio, nel centro, e "pinzare" con la punta delle dita il bordo ricavando 5 punte; così facendo dovreste aver ricavato una sorta di "contenitore stellato" per il ripieno



cuocere a 180\200^ fino a doratura

sentirete che profumino e che bontà!!

(ricetta da me postata su CucinaInSimpatia il 03 Feb, 2008)

aggiornamento 2011

rispetto alla ricetta postata poco più sopra ho aggiunto 4 grammi di xantano ed 1 misurino di latte in polvere per la prima infanzia; sicuramente è migliorato l'impasto e la sua lavorabilità, ma a livello di gusto è rimasto invariato: buonissimi!!
ho variato la forma ma preferisco quella di nonna



14 commenti :

  1. Sono bellissimi! Identici nella forma alle formaggelle sarde (ma che son dolci, ne ho mangiate a quintali, ne andavo pazza)!

    Metto in lista io!

    Grazie Vale!

    RispondiElimina
  2. ciao olgh...
    pensa che io i dolci di cui parli non li ho mai mangiati... dovrò rimediare!

    sbaciuz

    RispondiElimina
  3. Che fai? Mi ritenti?
    Buongiorno ciccia :)
    Buona Pasqua a tutti Voi

    RispondiElimina
  4. ti riferisci ai tag di fb? è la prima volta che lo faccio...

    vado a cuddureddare

    un post da te lasciai... miiiiiiii come mi piace assai far finta di scrivere siculo ;);)

    RispondiElimina
  5. proverò anche questa tua versione in porzioni singole e con la ricotta!
    brava come sempre!

    RispondiElimina
  6. fabi@ nonna li preparava così ed almeno nel paesello mio bello così si fanno e solamente salati, con taaanto pecorino così poi il "fiadone" si sente quando parli ;););)
    che esistessero la versione "a crostata salata" e quella dolce l'ho scoperto dal web 0_0

    anche la forma stellata è particolare, credo infatti che la forma classica sia a raviolo

    RispondiElimina
  7. E' vero, sembrano i pardulas sardi. Li ho visti qualche volta, ma in effetti quelli a forma di raviolo sono molto più comuni.
    Brava Vale... e sempre con L'Aquila nel cuore! ;-)

    RispondiElimina
  8. L'Aquila nel cuore SEMPRE!

    bacetti ed affettuosità a te

    V.

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia che sono!
    Poco fa ho visto il fiadone di Fabipasticcio e me ne sono innamorata, adesso vedo questi tuoi e sono sempre più convinta di provarli. Il mio problema è la reperibilità del pecorino, vediamo cosa riesco a fare :-)

    RispondiElimina
  10. anna@ senza pecorino poi non "fiadoni" abbastanza dopo ;););) ti serve un equivalente che abbia un sapore molto forte al di là della consistenza... non è che hai della ricotta dura pugliese? (magari ricordo di un tuo viaggio in Italì.....)

    baci

    RispondiElimina
  11. Vale, li ho fatti a ravioli (questi), anche se ho dovuto modificarli, causa mancanza di materie prime.
    La sfoglia mi piace moltissimo, penso che si possa usare anche con altri ripieni.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. anna@ ho lasciato un commento nel tuo blog ;)

    è emozionante sapere che un pezzettino di abruzzo è in giappone, mi fa commuovere pensando anche al terremoto che li unisce....

    chissà nonna cosa avrebbe detto ^-^

    affettuosità

    V.

    RispondiElimina
  13. Vale da provare assolutamente questi!!
    devono essere buonissimi!!
    baciusss
    brii
    ps. quanto mi piace l'abbecedario!! Sto imparando tantissime cose su questo Belpaese che amo tanto!

    RispondiElimina