giovedì 17 giugno 2010

brioche senza glutine

ieri sera, dopo aver rinfrescato il lm, ho dimenticato di rimettere il barattolo in frigo e stamattina ho trovato una sottospecie di lava bianca semisolidificata che, straboccando dall'alto del pirex, ha invaso il mio piano di lavoro, travolgendo tutto quello che trovava... 

- "mi ci vuole una coccola!!" è stata l'unica cosa che ho pensato....
- "ma una coccola da mangiare" ha detto il mio Io con la tenia
- "che tanto ingrasso io" ho aggiunto rassegnata....

dopo questo preoccupante "a tu per tu" mi son connessa ad internet ed ho vagato fin quando non son arrivata qui

rapido consulto online con MagaFelix e via! alla preparazione di queste brioche



Ingredienti
Eponge
40 g. latte
50 g. acqua
20 g. lievito di birra
1 uovo
21 g. sciroppo di glucosio
360 di mix per pane e\o brioche dolci e\o salate senza glutine (a fondo pagina per le spiegazioni)

Impasto
tutto l'eponge
90 g. zucchero
5 g. sale
 4 uova sbattute
180 g. di mix per pane e\o brioche dolci e\o salate senza glutine
90 g. di burro
70 g. di margarina (come da prontuario)


Procedimento
per l'eponge
ho fatto sciogliere in una ciotola il lievito di birra con la miscela di acqua e latte e lo sciroppo di glucosio
poi ho aggiunto l'uovo e 180 g. di farina mescolando bene con l'aiuto di una forchetta fino ad avere un composto liscio e senza grumi
ho versato a pioggia gli altri 180 g. di farina ed ho lasciato riposare molto più dei 40 minuti suggeriti dalla ricetta originale
una volta lievitato ho versato l'eponge nel cestello della macchina del pane ed ho aggiunto zucchero, sale e uova sbattute e poi ho fatto partire il programma per brioche
appena ho visto che l'impasto iniziava a formarsi ho unito il burro ed ho lasciato lavorare la macchina al posto mio!
finito il ciclo dell'impasto ho spento ed ho lasciato raddoppiare
ho rovescito l'impasto sul piano di lavoro in marmo e l'ho delicatamente sgonfiato
non c'è stato bisogno di farina perchè si lavora benissimo, è molto morbido e profumato
velocemente ho dato delle forme, ma stamattina scarseggiavo in fantasia....
il tempo di decorarne alcune che il forno era arrivato a temperatura (180^)
infornate e lasciate fino a doratura
non le ho spennellate, e forse ho sbagliato

osservazioni
sono una nuvola di bontà e sofficità



il mix di farine che ho usato per fare le brioche lo trovate qui
per questa ricetta ho raddoppiato le dosi e poi ho prelevato il quantitativo necessario di farina

per cui ho miscelato insieme 280 g. di farmo, 120 g. di pandea, 100 g. di agluten e 2 misurini e 1\2 di latte in polvere prelevando quello che mi serviva di volta in volta

aggiornamento: fino a ieri sera le brioche erano favolose... la mia Amica ne ha mangiate 2 di fila! facendomi i complimenti e pretendendo la ricetta glutinosa...
stamattina invece hanno cambiato sapore e consistenza di quel tanto che mi basta, da non celiaca, a non mangiarle :(
so che è un processo di "involuzione qualitativa" tipico delle farine gf ma "micirode" lo stesso!
aspetto di avere il parere di mio figlio prima di demoralizzarmi del tutto

11 commenti :

  1. E brava Vale! Queste sono le brioche di Julia Child!

    Baciuz!

    RispondiElimina
  2. Ma hai usato anche il lievito di birra? Con tutto quel ben di Dio della pm che di riempiva il piano lavoro?
    Oppure quello non è di farine speciale?

    Sono molto invitanti queste brioches.
    Ciao, ciao!

    RispondiElimina
  3. sono le brioche della child? ma veram??
    e ma questa è una bella notizia!!!

    anna... era la prima volta che provavo la ricetta ed ho deciso di seguirla il più possibile ;)
    la prox volta proverò col lm che ho riposto nel frigo stavolta!

    RispondiElimina
  4. Vale, al di là del fatto che qualsiasi lievitato dolce con il lievito di birra il giorno dopo perde un po'... qui la responsabilità è delle troppe uova e del troppo burro....
    Questi ingredienti fanno soffrire e non di poco le farine senza glutine... soprattutto per il giorno successivo...
    Perché demoralizzarsi? Occorre solo usare la ricetta che meglio si adatta a queste farine.
    E qui mi fermo... avevo scritto altro e poi ho cancellato, preferisco non esulare dall'argomento cucina...

    Un bacione :-)

    RispondiElimina
  5. certo che appena fatte erano di un buonooooooooooooooo

    lo so che uova e, specialmente, i grassi torturano le farine gf

    ma un rimedio c'è: la prox volta ne farò mezza dose così non avanza nulla!!! ;-)

    bacetti

    RispondiElimina
  6. è tanto che mi riprometto di voler provare a fare i panini nuvola di gaia di profumo di mamma, mi ispiravano un sacco.

    peccato per il giorno dopo, anche se succede spesso.
    che palle queste farine!

    toccherà farli e mangiarli, allora!
    perché l'aspetto è perfetto!

    RispondiElimina
  7. Mi offro per farle finire in giornata :-) Hanno un ottimo aspetto brava Vale

    RispondiElimina
  8. grazie cicciairis!

    affettuosità

    RispondiElimina
  9. è vero Vale i lievitati dolci con
    lievito di birra perdono il giorno dopo...dice sempre giusto la ns Olghina...fai come hai detto meta'
    dose cosi' che non ti avanzino piu'
    devono essere deliziose!!
    bacissimissimi!!

    RispondiElimina
  10. va bene
    allora la prox volta mezza dose e lievito madre ;););)

    grazie

    RispondiElimina