domenica 6 novembre 2011

Quanti modi di fare e rifare: la torta fritta di Parma (senza glutine)

il "quanti modi di fare e rifare..." è un simpatico progetto "capitanato" da Ornella e Anna
per partecipare potete leggere le "istruzioni d'uso" e condividere in allegria la ricetta del mese

questa volta siamo state ospiti di Dauly ed abbiamo preparato la torta fritta di Parma, che è una pasta da pane che viene stesa, tagliata a losanghe e fritta nello strutto (spero di venir perdonata che io ho usato dell'olio evo....); si mangia accompagnata da salumi e/o stracchino o altri formaggi spalmabili e morbidi

torta fritta di Parma 011 bis
torta fritta di Parma senza glutine

per comodità vi copio/incollo la ricetta glutinosa, presa da qui, che poi ho "tradotto" per necessità in senza glutine, facendola e proponendola in casa già più volte, con un successo clamoroso anche tra amici assolutamente "glutinosi", che hanno mangiato ed apprezzato più di tutti ;-)

torta fritta con lievito di birra (versione glutinosa):
1kg di farina
20gr di lievito di birra
20gr di sale
acqua
latte quanto basta per impastare

Collage torta fritta parma 2011
torta fritta di Parma senza glutine con coppa di Parma e cacciatorino senza glutine

torta fritta di Parma  senza glutine con lievito di birra
1^ versione
267 g. Sfornagusto Biaglut
137 g. Mix-It!
7 g. lievito di birra fresco
7 g. sale
300 g. acqua tiepida
una punta di cucchiaino di zucchero
per friggere: olio evo 

2^ versione
162 g. Sfornagusto Biaglut
105 g. Biaglut (pacco piccolo)
76 g. Mix- It!
7 g. lievito di birra fresco
7 g. sale
313 g. acqua tiepida
una punta di cucchiaino di zucchero
per friggere: olio evo 

Collage torta fritta parma 1
torta fritta di Parma senza glutine


Procedimento
nella ciotola del Kenwood ho versato l'acqua ed ho poi aggiunto lo zucchero ed il lievito di birra sbriciolato
dopo una decina di minuti ho aggiunto le farine ed il sale ed  ho lasciato che il Ken impastasse al posto mio, mitico Ken!
ho messo l'impasto in una ciotola, che ho ho coperto con della pellicola e messo in frigorifero a riposare tutta la notte (oramai questo impasto è sempre nel mio frigorifero, appena finisce impasto di nuovo, mi risolve tante situazioni, anche senza friggere, che posterò fra qualche tempo)
il giorno dopo, mentre sul fuoco l'olio arrivava a temperatura, ho steso la pasta e l'ho tagliata sia a losanghe che a cerchi prima di friggerla
servita a tavola con coppa di Parma* (lonza), prosciutto crudo, salame cacciatorino* e stracchino

* attenzione! usate salumi privi di glutine controllando il Prontuario 2011

dove saremo il prossimo mese?

Ricetta del 6 dicembre 2011




Il mese prossimo invaderemo la cucina di Solema del blog "La cucina di Nonna Sole" per realizzare la sua ricetta dello Stollen o Christollen, bellissimo dolce natalizio tedesco.
Bisogna farlo con anticipo e lasciarlo riposare sino a Natale (se si riesce a non mangiarlo prima) per poter gustare a pieno il suo sapore profumato di spezie. Chi ci vorrà seguire, sarà il benvenuto nella cucina di Solema. Lei ci accoglierà come sempre, con tutta la sua gentilissima ospitalità.