sabato 9 giugno 2012

di riso ignifugo e suo riciclo

mai fidarsi delle apparenze... non imparo mai, nemmeno quando si tratta di riso

qualche giorno fa ho preso del riso ribe in offerta, ne ho fatto una piccola scorta, visto che mio figlio lo preferisce di gran lunga alla pasta

l'altra sera ho deciso di prepararlo e di offrire a tavola un buonissimo risotto al pomodoro mantecato alla mozzarella e parmigiano

controllo i tempi di cottura, preparo il brodo -finto- per allungare il riso, inizio a far andare la salsa sul fuco, aggiungo sale ed olio ed inzio a "risottare"

dopo 15 minuti, passati ad aggiungere brodo bollente appena i liquidi si ritiravano e a mescolare di continuo, mi illudo che il riso sia cotto ed assaggio

decido di proseguire la cottura per altri 5 minuti

assaggio di nuovo, ma il riso è crudo

proseguo a mescolare e ad aggiungere acqua, ma il riso continua ad essere crudo

arrivata a 45 minuti ed allo stremo delle forze, decido che il riso era cotto, aggiungo un pochino di burro e manteco il tutto con un pochino di parmigiano e la mozzarella tagliata a dadini piccini

impiatto e.... era ancora crudo!!

mai successo 0_0

avendo abbondato nelle dosi me ne era rimasto davvero parecchio, lo lascio riposare tutta la notte (veramente mi illudo pure che si ammorbidisca) ed il giorno dopo lo converto in supplì, ma in padella ed in un'unica forma


non vi scrivo dosi che son andata ad occhio alla fine

vi dico solo che ho preso una padella antiaderente e vi ho cosparso del pangrattato senza glutine misto a farina di mais per polenta e vi ho schiacciato sopra una parte di riso

ho acceso il fuco ed ho aggiunto altra mozzarella tagliata a dadini ed ho coperto con il restante riso

ho lasciato "bruciacchiare" un pochino e poi ho rigirato - tipo frittata - e lasciato colorare anche dall'altro lato

impiattato, servito e mangiato

'bbono