giovedì 11 ottobre 2012

Mont Blanc per la prima e ultima volta, sia chiaro!

la prossima volta che mi verrà il capriccio di preparare un Mont Blanc ricordatemi ciò ho passato ieri

è da tempo che conservo questa ricetta e che me la leggo e me la rileggo... tanto è già di suo senza glutine, farine non ce ne sono, giusto un paio di ingredienti vanno tenuti d'occhio, ma tanto io solo prodotti senza glutine uso, posso partire e via!!

maddechè... non avevo calcolato le pesti in casa con amichetto al seguito, i compiti di matematica con le addizioni in colonna, le telefonate e la mia testa che svolazza non so più nemmeno io dove

insomma ho iniziato male sin dalla preparazione delle meringhe (non so se capite la gravità...), che fortunatamente son state salvate dal ProntoSoccorsoFB da parte di Simonetta ed altre amiche

però alla fine il Mont Blanc, e voi non potete capire quanto, era buono, specialmente quello di stamattina, dove le meringhette si erano ammorbidite e fuse con la panna.. una bontà


Ingredienti
480 g. castagne
400 g. latte
4 albumi
320 g. zucchero a velo senza glutine
baccello di vaniglia q.b.
55 g. zucchero
1 cucchiaino di cacao amaro senza glutine
500 ml di panna liquida fresca da montare

Procedimento

lavate le castagne ed incidetele con apposito attrezzino regalatovi dal marito o con un coltello tagliente, mettetele in una pentola capiente, copritele di acqua e lasciatele cuocere a fuoco dolce fin quasi a scordarvele sul fuoco (volete fare come ho fatto io o no?? se no allora fatele stare sul fuoco dal momento del bollore per 30 minuti)
ancora calde eliminate la buccia e la pellicina marrone aiutandovi con uno spilucchino e mettetele in un'altra pentola (che quella dove le avete fatte bollire è tutta colorata di marrone ed inutilizzabile) col latte caldo ed i semini del baccello di vaniglia e lasciate cuocere a fuoco basso fin quando quasi tutto il liquido non si sarà asciugato

preparate le meringhe* con i 4 albumi e lo zucchero a velo

col mixer ad immersione riducete a purea le castagne, aggiungete lo zucchero ed il cacao e lavorate il composto sul fuoco con un cucchiaio fin quando lo stesso non si staccherà dalle pareti della pentola
spegnete il fuoco, fate raffreddare un pochino, avvolgete con della pellicola alimentare e mettete in frigorifero a freddare bene bene

per comporlo: montate la panna (se volete potete aggiungere dello zucchero, cosa che non ho fatto perchè basta il dolce dato dalle meringhe)

prendete un piatto da portata ed inizate a sistemare le meringhe e la panna secondo la vostra fantasia


potete fare più strati ed aggiungere, se volete, dei marrons glaces senza glutine fatti a pezzettini
poi fate una cascata di purea di castagne (io mi son aiutata con l'utensile che uso per fare i passatelli, ma uno schiacciapatate va benissimo lo stesso) sulla base appena preparata


decorate con la panna montata ed altre meringhette

ieri sera le meringhe erano "croccanti", stamattina si erano ammorbidite per via della panna ed era una fusione fantastica di sapori!!!

*per sbaglio misi albumi e zucchero insieme nel Kenwood, credevo di dover buttare via tutto ed invece vennero delle meringhe buonissime comunque; mi hanno suggerito di aggiungere un pochino di cremor tartaro   e poche gocce di limone e di continuare a montare, per poi procedere nel solito modo    

26 commenti :

  1. No scusa, ma famme capì: e se non avessi avuto tutti quei contrattempi, che cosa ti veniva???
    Dev'essere fantastico! Confesso che io ho sempre snobbato la ricetta perché non amo particolarmente le castagne, ma questo è tutta un'altra cosa!
    Vediamo se magari mi viene voglia... senti, ma con queste dosi quante bocche golose c'hai sfamato? che vorrei evitare di farne una quantità che poi vado distribuendo per tutto il palazzo ;-P
    Baciotti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @min ne viene tanto da surgelarlo ;-)

      ci abbiamo mangiato in 4 ma la metà della purea e della panna mi son rimaste

      la purea l'ho congelata

      Elimina
  2. Belli e buoni cara Vale.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo trovi dalle tue parti questo dolce Tomaso??? te ne porto un po' io??

      Elimina
  3. Ma non ho capito perche' prima e ultima volta? Io lo adoro, e lo sai che la prima volta sbucciai 1 kg di castagne e bruciai tutto????? Infatti poi ho sempre comprato quelle gia' cotte :')

    RispondiElimina
    Risposte
    1. troppo faticoso pelare tutte quelle castagne... non fa per me ;-)

      è di un buono pazzesco ma è una bomba di calorie

      quelle cotte dici??? sai che non mi sono mai preoccupata di veriricare se ci son senza glutine? mi voglio informare

      Elimina
  4. Bravissima e pazientosa. L'ho fatto una volta e anch'io ho giurato mai più!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco ora.. :-)

      che poi le castagne hanno la pellicina che sta anche dentro la "polpa", accidenti!

      il vero problema è che è piaciuto al mio celiachino e tremo all'idea che me lo possa richiedere!

      Elimina
  5. Tralascio volontariamente la buonitudine di questo dolcino strasupercalorico...mi fa impazzire l'attrezzino! Io mediamente rischio l'auto amputazione delle falangine, meglio conosciute come ditonzoli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sai quanto ti ho pensata...

      mi chiedevo quando il mio unico "neustronzolo" si sarebbe messo a lavorare ;-)

      non c'avrò lo sbrillocco di diamanti, ma ho l'incidicastagne, vuoi mette?? ;-) ;-)

      Elimina
  6. Super mega grandi complimenti!!!!!!

    Il mont blanc reterà la pietanza che adorerò da lontano, come misterioso essere dalle fattezze astrali... e tu, accanto, la stella che lo illumini, che brava sei?!
    Non è che me lo fai?! :P

    baciuz Jé

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma va la' che tu prepari cose con una pazienza che io mi sogno!!

      Elimina
  7. Io le castagne me le mangio a tonnellate ... poi i risultati si vedono ... Anche io non l'ho mai fatto. Non per pigrizia, sia inteso. E' che le castagne non ci arriverebbero proprio ad essere schiacciate ^_^ Brava

    RispondiElimina
  8. Sarà stato un lavoraccio ma... che bellezza ;) Complimenti Vale!
    Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. Dopo passo a leggere per benino (ho lemani in "pasta", indovina per che cosa? ;-) La fontina quella stagionata si, il fontal no perchè è troppo morbido, puoi fare una prova. Io l'ho rifatto ieri sera per ello (l'altro l'avevo mangiato io durante il giorno ;-) )davvero buono.Bacio e a lunedì.

    RispondiElimina
  10. bello, ti è venuto benissimo,un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  11. finalmente passo a prendere una fettona!! ero sotto sciocco per la golosità :-DD urchina che pazienza e che tenacia...uno standing "lovation" per te ma chérie :-X

    RispondiElimina
  12. Anche io lo voglio fare da tempo, ma il pensiero di sbucciare tutte le castagne mi frena...

    RispondiElimina
  13. la tua precisione nel dire le cose, ferme, sentenziose a me fanno sorridere e pensare quale donna dolce sia tu in realtà...
    questo dolce è il preferito di mio marito al quale, nn glielo mai fatto, non so se ne sarei capace, ma adesso mi hai fatto venire voglia, e se fa il bravo, e togli tutti i suoi attrezzi per casa, magari glielo faccio...
    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)

      vabbè.. ho della purea di castagne in freezer... magari un'altra volta e basta lo faccio...

      veramente è pesante prepararlo da zero

      aspetto tua bontà allora

      Elimina