martedì 1 settembre 2015

Visitato da noi: ristorante Usini a Torvajanica (Roma)


sono stata a mangiare da Usini 2 volte in una settimana

la prima volta in un giorno infrasettimanale, una cenetta romantica per due... un menù spettacolare con una scelta ampia e varia

quasi tutti gli antipasti erano senza glutine, un solo primo era idoneo al celiaco e si trattava di un risotto

locale delizioso, cameriere con guanti bianchi, a prima impressione severo e austero, ma alla fine molto cordiale e gentile

a fine pasto arriva lo chef, si chiama Alessandro, ha 29 anni ed una passione immensa per il mare, la pesca e la cucina

iniziamo a chiacchierare, specialmente mio marito pescatore, ed io alla fine lo sottopongo alle domande di rito e mi spiega che le due ragazze che lo aiutano sono una sensibile al glutine e l'altra celiaca e sa come si preparano dei pasti sicuri, mi dice di avere tutto a parte e di fare molta attenzione se gli viene comunicato che un celiaco fa un'ordinazione

io e mio marito mangiamo divinamente

notiamo le porzioni in stile "nouvelle cousine", ma sorvoliamo vista l'esplosione dei gusti e dei sapori che assaggiamo

entusiasti raccontiamo ad amici la nostra cena e accettiamo il loro invito per i saluti di fine estate proprio da Usini, ma questa volta di sabato e siamo in diciassette, non più in due...

siamo accolti gentilmente e troviamo una prima sorpresa: un tavolo a "elle".. ma colpa nostra che da sei che eravamo abbiamo passato il pomeriggio a chiamare e a chiedere di aggiungere un posto a tavola

seconda sorpresa: il menù non è lo stesso di qualche giorno prima e non ci sono più i simbolini della spiga barrata... ma come?

chiedo spiegazioni: nel fine settimana, non potendo essere certi di poter preparare con la stessa attenzione tante pietanze diverse tra loro, il menù cambia, e si riduce, proprio per assicurare la qualità del servizio

peccato però... perchè le possibilità di scelta per un celiaco si azzerano o quasi

Osservazioni
a noi è piaciuto moltissimo!
gusto e qualità eccellenti
magari delle porzioni pochino più abbondanti
costo medio-alto, ma giustissimo nel rapporto qualità\prezzo, appunto.

p.s. non ci sono foto dei piatti, perdonatemi, ma eravamo con pochissima luce, solo con il cellulare e tanta fame! :-)


lunedì 20 luglio 2015

Provato per voi... e visitato da noi: pizzeria Caroli a Pomezia

buonissima a parere del celiaco di casa la pizza gustata alla pizzeria Caroli di Pomezia



Dotata di locali climatizzati e con possibilità di mangiare all'esterno offre un'ampia scelta di pizze senza glutine 

 

Ecco la pizza margherita 




Non altrettanto ampia la scelta dei dolci, ma la panna cotta alla Nutella era veramente buona


giovedì 2 luglio 2015

filettini di pollo con tzatziki

già sono una schiappa nel fare le foto, ora che la scheda grafica del pc mi sta abbandonando non sono nemmeno più in grado di verificare che siano quantomeno "a fuoco" e a colori.... per cui dovete accontentarvi

ricettina veloce e fresca e senza glutine già in partenza presa dalla rivista AliceCucina di maggio 2012 pag. 142
prevedeva di usare del petto di pollo tagliato a cubetti e poi infilzato negli spiedini, io ho usato invece dei piccoli filetti di petto di pollo che ho cotto in padella antiaderente, e del peperoncino in polvere che invece ho omesso 


Ingredienti
1 kg. di filettini di pollo
1 cucchiaino di paprika dolce
8 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale q.b.
350 g. yogurt bianco
1 cetriolo
1 spicchio di aglio

Procedimento
in una capiente ciotola ho emulsionato l'olio con la paprika ed un pochino di sale, ho aggiunto i filettini di pollo, ho mescolato bene ed ho lasciato poi riposare in frigorifero per circa un'ora
intanto ho pulito un cetriolo e l'ho frullato, ho raccolto in un colino la purea ottenuta, l'ho leggermente salata e l'ho lasciata a riposare in modo tale che venisse eliminata tutta l'acqua di vegetazione per circa trenta minuti
in una ciotola ho versato la purea e lo yogurt, ho tagliato in dadini piccolissimi lo spicchio di aglio privato della buccia e l'ho aggiunto alla purea di cetriolo con lo yogurt mescolando bene (l'aglio andrebbe spremuto in verità)
ho scaldato una padella antiaderente ed ho cotto i filettini rigirandoli e bagnandoli spesso con la marinata rimasta
impiattati e serviti caldi con una generosa "colata" di tzatziki

veloci e freschi

un bacetto

Valentina



mercoledì 24 giugno 2015

pasta fredda

aveva iniziato a fare caldo... me lo ricordo!
e di accendere fuochi non se ne parlava proprio
cosa preparare quindi di fresco e gustoso?
ma la pasta fredda!!
però con "il meglio del meglio" degli ingredienti


Ingredienti (per 1 persona)
pasta formato mezze penne senza glutine (Massimo Zero)
1 pomodoro cuore di bue*
1 cucchiaio di olive taggiasche denocciolate
qualche fogliolina di basilisco fresco
sale q.b.
olio extravergine di oliva q.b.

Procedimento
lessare la pasta e scolarla leggermente al dente
mentre la pasta cuoce lavare, asciugare e tagliare a tocchettini piccini il pomodoro
mettere la dadolata di pomodoro in una ciotola, aggiungere le olive e le foglioline di basilico
scolare la pasta e versarla nella ciotola
aggiustare di sale e olio
lasciar freddare e gustare
:-)

* lo so che il pomodoro cuore di bue è ottimo per le insalate, a noi piace moltissimo usarlo anche per la pasta e per le bruschette

venerdì 19 giugno 2015

carciofi fritti

adoro i carciofi fritti... ne mangerei in gran quantità

tempo fa li avevo preparati con una pastella senza glutine che si è rivelata buonissima e croccantissima


Ingredienti
per la pastella
160 ml birra senza glutine
1 uovo
50 g. farina di riso
100 g. farina di mais finissimo
sale q.b.

4 carciofi romaneschi

olio per friggere

Procedimento
pulire per bene i carciofi, tagliarli a spicchi e lasciarli in una ciotola coperti da acqua acidulata per evitare che anneriscano

montare a neve l'albume e tenere da parte
mescolare il tuorlo con gli altri ingredienti e per ultimo unire l'albume

scolare ed asciugare i carciofi, passarli uno per volta nella pastella e friggerli in abbondante olio bollente

lasciarli freddare un pochino su un piatto coperto da carta assorbente da cucina e mangiare

sono buonissimi!!!

rimangono belli croccanti

giovedì 18 giugno 2015

Provato per voi: macaron Catani senza glutine


avevamo letto di questi macaron in vendita da Tuodì in un gruppo facebook di celiaci romani

siamo andati a comperarli e li abbiamo assaggiati

ogni confezione costa 1 euro e 99 centesimi e contiene 3 macaron

i gusti sono quelli che vedete nella foto: arancia, pistacchio, fragola

sono buoni e profumati

Osservazioni
basta mangiarli senza leggere gli ingredienti, visto che son presenti i mono e digliceridi degli acidi grassi e i grassi vegetali (colza e palma)

nonostante ciò lascio che mio figlio li mangi non essendo un alimento che consuma quotidianamente ed in più porzioni e li assaggio con piacere anche io

:-)

lunedì 15 giugno 2015

Cous cous di grano saraceno con gamberi e cozze

ho comperato del cous cous di grano saraceno biologico senza glutine Più bene di EcorNaturaSì


avevo voglia di qualcosa di fresco ed ho preparato solamente per me e mio marito un cous cous con gamberi, cozze e verdure


questa è la miglior fotografia che son riuscita a salvare tra le tante che ho scattato, scusatemi, mi rendo conto che non finirà mai su una copertina patinata di una rivista di cucina... :-(

Ingredienti
24 cozze
6 gamberoni
125 ml acqua
125 g. cous cous di grano saraceno
sale q.b.
olio extra vergine di oliva (circa 3-4 cucchiai per il cous cous ed altri 2-3 per cuocere le verdurine)
1 carota
1 zucchina
1 scalogno
6 pomodorino datterino
85 g ceci già lessati
1 spicchio di aglio
2-3 peperoncini

Procedimento
per il cous cous ho seguito le indicazioni riportate sulla confezione: in una casseruola o in una padella capiente portare ad ebollizione 125 ml di acqua, aggiungere una presa di sale ed 1 cucchiio di olio extra vergine di oliva. Togliere la casseruola dal fuoco e versare a pioggia il cous cous mescolando lentamente con una forchetta. Lasciare riposare circa 2 minuti. Aggiungere un paio di cucchiai di olio extra vergine di oliva e riprendere la cottura a fuoco lento per altri 3 minuti, mescolando regolarmente con una forchetta al fine di sgranare bene il prodotto

mentre il cous cous freddava ho preparato le verdurine (che ho pulito e tagliato a cubettini) e i gamberi (sciacquati con acqua fredda, privati della testa, del carapace e dell'intestino e tagliati a pezzettini anche loro)

ho pulito per bene le cozze e le ho lasciate aprire in una pentola coperta a fuoco vivace, ho spento il fuoco ed ho lasciato freddare; poi le ho private del guscio ed ho filtrato e tenuto da parte il liquido di cottura

con tutti gli ingredienti pronti, ho messo sul fuoco una padella larga e profonda (simile ad un wok) sul fuoco medio ed ho lasciato che lo scalogno e l'aglio prenderessero colore assieme ai peperoncini

ho aggiunto la zucchina e la carota e tolto lo spicchio di aglio

dopo qualche minuto ho unito prima i gamberoni (cuociono velocemente!) e poi le cozze, i ceci e i pomodorini, ho mescolato dolcemente e spento il fuoco

a questo punto ho unito il cous cous e l'acqua di cottura delle cozze filtrata, aggiustato di sale e impiattato

Osservazioni
a noi è piaciuto moltissimo
sapore delicato e gustoso
si sentiva forte l'odore del grano saraceno